24° anniversario della strage dei Georgofili

24° anniversario della strage dei Georgofili

Georgofili: “Ricordare è un dovere civile, coinvolgendo i giovani”

“L’orribile attentato che colpì il cuore stesso di Firenze e della sua storia mietendo cinque vittime innocenti, rappresenta ancora oggi una ferita aperta per la nostra città. Partecipo tutti gli anni alle celebrazioni per l’anniversario, e da sempre lo faccio con viva emozione, anche perché, da ex assessora alla scuola e alla legalità, conosco quanto sia importante tramandare la memoria soprattutto verso le giovani generazioni che non furono testimoni di quel tragico evento. La legalità è il …

Leggi di più »

23 anni fa, l’inferno di via dei Georgofili

23 anni fa, l’inferno di via dei Georgofili

SIA DETTO
di Mario Luzi
«Sia detta per te, Firenze,
questa nuda implorazione.
Si levi sui tuoi morti,
sulle tue molte macerie,
sui tuoi molti
visibili e invisibili tesori
lesi nella materia,
offesi nell’essenza,
sulle tue umili miserie
ferma, questa preghiera.
I santi della tua storia
e gli altri, tutti,
della innumerabile corona
la portino in alto,
le soffino spirito e potenza,
ne cingano d’assedio
le stelle, i cieli,
le superne stanze:
«giustizia non ti negare
al desiderio degli uomini,
scendi in campo, abbi la tua vittoria!»
Sia detta a te, Firenze,
questa amara devozione:
città colpita al cuore,
straziata, non uccisa;
unanime nell’ira,
siilo nella preghiera.
Vollero accecarti, essi,
della luce che promani,
illumina tu, …

Leggi di più »

22esimo anniversario della Strage dei Georgofili

22esimo anniversario della Strage dei Georgofili

La notte tra il 26 e 27 maggio ricorre la strage dei Georgofili, avvenuta alle 1.04 del 27 maggio 1993, nella quale persero la vita Angela e Fabrizio Nencioni, le loro figlie Nadia e Caterina, lo studente in architettura Dario Capolicchio.

L’autobomba imbottita di esplosivo che fu fatta saltare in aria dai killer della mafia siciliana ferì altre 41 persone, distrusse la storica Torre de’ Pulci, dove ha sede l’Accademia dei Georgofili, e causò danni ingenti agli Uffizi, a Palazzo Vecchio, alla chiesa di Santo Stefano al …

Leggi di più »

Mantenere viva la memoria fra giovani e proseguire ricerca verità, per rendere giustizia a vittime e familiari

Mantenere viva la memoria fra giovani e proseguire ricerca verità, per rendere giustizia a vittime e familiari

“A 20 anni da strage Georgofili aspettiamo parola definitiva da processi in atto”
“Mantenere viva la memoria fra i giovani e proseguire la ricerca della verità: solo così si restituisce forza allo Stato e si rende giustizia a tutte le vittime del terrorismo, della mafia e delle stragi che hanno insanguinato il nostro paese”.
E’ quanto ha dichiarato la senatrice fiorentina Rosa Maria Di Giorgi, in occasione della celebrazione del “Giorno della Memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice”, questa mattina nell’emiciclo di …

Leggi di più »

Stragi ’93, l’assessore Di Giorgi commemora il pm Gabriele Chelazzi: «Era un grande magistrato e un grande uomo».

«Per essere grandi magistrati bisogna essere anche grandi uomini. E Gabriele Chelazzi lo era». Con queste parole l’assessore alla legalità Rosa Maria Di Giorgi ha ricordato, a nove anni dalla scomparsa, il pubblico ministero che ha coordinato le indagini sulle autobombe del ’93-‘94: l’attentato a Maurizio Costanzo (a Roma), la strage di via dei Georgofili a Firenze e quelle di via Palestro a Milano e le due di Roma, a San Giovanni in Laterano e a San Giorgio al Velabro (oltre ai falliti attentati allo …

Leggi di più »

Domani all’aula bunker si ricorda il magistrato Gabriele Chelazzi

È il pm che individuò e fece condannare mandanti ed esecutori delle stragi ’93-’94
Tra il 27 maggio e il 27 luglio 1993 l’Italia pianse dieci innocenti, decine di feriti e danni irreparabili al patrimonio artistico. A 19 anni di distanza le oscure ragioni di quella strategia terroristica, che oltre Firenze colpì Roma e Milano, sono state quasi del tutto individuate: gli uomini che azionarono le autobombe in nome e per conto della mafia siciliana (ovvero Cosa Nostra), e chissà per quali altri mandanti, volevano costringere …

Leggi di più »

Stragi ’93, Di Giorgi: «La sentenza di oggi un altro passo verso la verità. Vogliamo la totale chiarezza su quella stagione di terrore».

L’assessore alla legalità presente all’aula bunker per la lettura del dispositivo della sentenza per gli attentati di Cosa Nostra

Leggi di più »

Strage via dei Georgofili, intitolata alle vittime la sala di lettura della biblioteca biblioteca di Palagio di Parte Guelfa.

Cerimonia solenne, questa mattina, per intitolare la sala di lettura della biblioteca comunale di Palagio di Parte Guelfa ‘Alle Vittime del 27 maggio 1993’.

Leggi di più »

Strage via dei Georgofili, le iniziative per il 18° anniversario dell’attentato.

Nadia Nencioni non aveva ancora nove anni. Sua sorella Caterina cinquanta giorni. Il 27 maggio 1993 la bomba di via dei Georgofili le seppellì sotto montagne di macerie con il padre Fabrizio e la mamma Angela mentre il giovane studente di architettura Dario Capolicchio morì carbonizzato nel rogo del suo appartamento. A diciotto anni di distanza le oscure ragioni di quella strategia terroristica, che oltre Firenze colpì Roma e Milano, sono state quasi del tutto individuate: gli uomini che azionarono le autobombe in nome e …

Leggi di più »