Unioni Civili, l’opinione dei costituzionalisti sulla step child adoption

Unioni Civili, l’opinione dei costituzionalisti sulla step child adoption

Vi propongo la lettura di questo articolo pubblicato il 2 febbraio su La Stampa in cui alcuni noti costituzionalisti esprimono le loro perplessità in merito alla stepchild adoption.

Qui l’articolo

Leggi di più »

Unioni civili e utero in affitto. Una riflessione dal periodico “il Tempo”

Unioni civili e utero in affitto. Una riflessione dal periodico “il Tempo”

Vi consiglio questo bell’articolo del Tempo. Ci sono anche laici, magari
atei, che la pensano come i “cattodem” sull’adozione del figlio del partner
in una coppia omosessuale. Come ho sempre detto, nonostante alcune cronache
distorte dei giornali, non siamo un gruppo di cattolici conservatori, ma
persone magari “perfino” sagge, politici, intellettuali, dirigenti di
partito di esperienza, atei o cattolici, ebrei o di altre religioni, che
riflettono con attenzione sulla vita dei bambini e sul futuro della società
italiana”.

Unioni gay e utero in affitto: spunta una resistenza a sinistra

Leggi di più »

Unioni civili. La mia intervista su Avvenire

Unioni civili. La mia intervista su Avvenire

Vi segnalo la mia intervista su Avvenire del giornalista Angelo Picariello in merito alle unioni civili e agli utero in affitto.

Intervista su Avvenire

Leggi di più »

La mia intervista su Intelligonews

La mia intervista su Intelligonews

Vi invito a leggere la mia intervista pubblicata giovedì 7 gennaio su intelligonews.it in cui affronto il problema dell’utero in affitto.

L’utero in affitto è illegale nel nostro Paese.
Nella coscienza collettiva è qualcosa che non va fatto e non va favorito. Io credo che si debba essere molto solidi su questo e che non vadano fatte leggi in questo momento che comunque e in qualche modo possano incentivare la ricerca di avere un figlio a tutti i costi; d’altronde per alcuni questo non può che avvenire …

Leggi di più »

Cittadinanza senegalesi feriti, l’assessore Di Giorgi: «Un atto concreto di riconciliazione»

«Quanto è accaduto un anno fa, che ha sconvolto Firenze, è frutto di una ideologia violenta e razzista alla quale la maggior parte degli italiani è estranea. Riconoscere ai tre giovani senegalesi feriti la cittadinanza italiana è un atto concreto di riconciliazione».

Leggi di più »

Commemorato il 69° anniversario del bombardamento Campo di Marte

Firenze ha ricordato quel terribile giorno del 1943 quando un raid aereo alleato provocò la morte di 215 civili e pesanti devastazioni.

Leggi di più »

Scuola, domani in Palazzo Vecchio 15ª edizione del premio Carlo Barducci.

Il concorso dedicato alla memoria del presidente degli orafi di Firenze, medaglia d’oro al valor civile, ucciso in una rapina 20 anni fa

Leggi di più »

Incidente in Mugello, il cordoglio del sindaco Renzi per la morte del conducente.

Soltanto un bambino è ancora in ospedale sotto osservazione

Leggi di più »

Firenze ricorda Padre Balducci a 20 anni dalla scomparsa, l’assessore Di Giorgi: «Non solo un momento celebrativo ma un modo per cogliere l’attualità del suo pensiero».

Letture, testimonianze, poesie e musica per ricordare padre Ernesto Balducci ‘Maestro di pace’, a venti anni dalla sua scomparsa avvenuta il 25 aprile del 1992.

Leggi di più »

Un albero per ricordare Falcone, Borsellino e gli agenti delle scorte.

Domani mattina all’Orticoltura sarà piantato un olivo in memoria delle vittime delle stragi di Capaci e via D’Amelio
Un albero in memoria le vittime delle stragi di Capaci e via D’Amelio. Domani mattina (ore 9.30), nel giardino dell’Orticoltura, sarà piantato un olivo per ricordare Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli agenti di scorta assassinati con i due magistrati: Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, Emanuela Loi, Walter Eddi Cusina, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli e Claudio Traina.

Leggi di più »

Celebrazioni La Pira, l’assessore Di Giorgi: «Rinnovare il messaggio del ‘sindaco santo’ e sviluppare il patto di amicizia Firenze-Pozzallo con scambi fra giovani delle due città».

«Rinnovare il messaggio politico e umano di Giorgio La Pira, partendo dai giovani. Se guardiamo al suo esempio e al coraggio delle sue scelte possiamo ancora imparare molto». L’assessore all’educazione, Rosa Maria Di Giorgi, è intervenuta in rappresentanza del Comune di Firenze alle celebrazioni per l’anniversario della nascita di Giorgio La Pira, in corso di svolgimento a Pozzallo, comune siciliano in cui nacque il ‘sindaco santo’ il 9 gennaio del 1904.

Leggi di più »

‘Togliete i libri alle donne’, l’assessore Di Giorgi «Per trovare degli argomenti del genere bisogna tornare al nazismo».

«Sono analfabeta perché ho tre figli. E’ la logica conseguenza di quanto affermato dell’articolo di Camillo Langone, apparso sull’edizione online di Libero e titolato ‘togliete i libri alle donne e faranno più figli’». A sostenerlo l’assessore Rosa Di Giorgi

Leggi di più »

L’assessore Di Giorgi a ‘Scuola Sicura Insieme’: «Educare al rispetto delle regole aiuta tutti a vivere meglio».

«Siamo fortemente impegnati, in collaborazione con le forze dell’ordine e le altre istituzioni, nell’ambito della educazione stradale, per il rispetto delle regole e della legalità, attraverso percorsi e progetti educativi che comprendono le scuole di ogni ordine e grado». Lo ha detto l’assessore all’educazione Rosa Maria Di Giorgi intervenuta, questa mattina all’educandato della Santissima Annunziata del Poggio Imperiale, alla presentazione di ‘Scuola Sicura Insieme’,

Leggi di più »

Quartiere 5, domani commemorazione di Maria Penna Caraviello e Mary Cox , morte per la Resistenza.

Alla cerimonia in via di Terzollina saranno presenti il presidente Gianassi e l’assessore Di Giorgi

Leggi di più »

Strage via dei Georgofili, le iniziative per il 18° anniversario dell’attentato.

Nadia Nencioni non aveva ancora nove anni. Sua sorella Caterina cinquanta giorni. Il 27 maggio 1993 la bomba di via dei Georgofili le seppellì sotto montagne di macerie con il padre Fabrizio e la mamma Angela mentre il giovane studente di architettura Dario Capolicchio morì carbonizzato nel rogo del suo appartamento. A diciotto anni di distanza le oscure ragioni di quella strategia terroristica, che oltre Firenze colpì Roma e Milano, sono state quasi del tutto individuate: gli uomini che azionarono le autobombe in nome e …

Leggi di più »